web_agency_Prato_Firenze_Pistoia
web_agency_Prato_Firenze_Pistoia
web_agency_prato
web_agency_Prato_Firenze_Pistoia
web_marketing_agency_Prato_Firenze_Pistoia
Digital Marketing
|Soluzioni di Digital Marketing
per piccole e medie imprese che vogliono diventare grandi sul web
Perchè serve una Strategia per comunicare sui Social Media
Perchè serve una Strategia per comunicare sui Social Media
Come vendere su Instagram
Come vendere su Instagram
10 tattiche per lanciare un nuovo prodotto usando i Social Media
10 tattiche per lanciare un nuovo prodotto usando i Social Media
Come farsi notare per collaborare con i brand giusti se sei un Influencer
Come farsi notare per collaborare con i brand giusti se sei un Influencer
previous arrow
next arrow

Perchè un sito ecommerce dovrebbe avere anche un blog?

Ecommerce e blog dovrebbero sempre stare a braccetto. In questo post vi spieghiamo come e perchè

Sembrano due cose distinte e lontane, ecommerce e blog e invece dovrebbero lavorare di concerto per arrivare al medesimo obiettivo. Vendere. Vendere di più e vendere meglio. Come abbiamo già scritto in altri post, un sito con ecommerce non è soltanto una scheda prodotto con un tasto ACQUISTA. Un ecommerce vero richiede un forte impegno su più fronti

Abbiamo già affrontato in altri articoli il tema dell’ecommerce e degli strumenti necessari per farlo funzionare bene. Il binomio ecommerce e blog è sempre attuale. Grazie a questo strumento si ottengono notevoli vantaggi. Se l’obiettivo principale di un ecommerce è quello di vendere, gli sforzi devono essere allora, in 2 direzioni: portare traffico continuo (e qualificato) e avere massima visibilità ovunque.

Nel post 5 consigli utili per aumentare i visitatori del tuo sito web, abbiamo messo a fuoco come aumentare il traffico verso il sito web. Il blog può essere uno degli strumenti da affiancare.

Quali sono i vantaggi del binomio ecommerce e blog?

Innanzitutto l’ecommerce con un blog aumenta il legame con i clienti, li tiene agganciati attraverso informazione costante. I clienti devono però trovare temi di loro interesse, i post devono essere ben strutturati e intrattenere. In questa ottica, un blog porta visite continue sullo shop on line, promuovendo via via i prodotti e servizi. Il valore del brand quindi aumenta, aumenta la brand awareness, cioè la sua notorietà e migliora notevolmente anche la SEO.

In sintesi il binomio ecommerce e blog deve:

  1. offrire un valore aggiunto, con contenuti che intrattengono il target, che siano informativi e divertenti
  2. avere obiettivi ben precisi in base a ciò che vogliamo ottenere dal sito web
  3. creare una relazione attraverso le interazioni stimolate dai post e poi convertirli in clienti
  4. consolidare il valore del brand creando autorevolezza intorno ad esso. Il brand deve essere messo in risalto con trasparenza e competenza
  5. essere aggiornato costantemente. Anche se si pubblica un solo post al mese, teniamo presente che il pubblico si aspetta costanza da noi

Dall’altro canto, il blog non deve sembrare solo una promozione dei propri prodotti. Per la vendita c’è già lo shop on line, nel blog dobbiamo parlare di altro, di argomenti affini al prodotto che vendiamo, ma non cercare di spingere solo i nostri prodotti. E’ importante impostare delle rubriche con temi diversi specialmente se dobbiamo intrattenere target diversi.

Cosa serve per tenere il pubblico di un ecommerce interessato al blog?

Servono principalmente informazione, divertimento e ispirazione.
Che si venda un prodotto o un servizio quindi, pensare al contesto in cui si colloca ciò che vogliamo vendere.

Un trucco per capire cosa interessa al nostro target è leggere i dati delle statistiche di accesso al nostro sito web.

Cosa cercano gli utenti? Che parole chiave hanno usato per trovarci?

Da lì sviluppare dei contenuti di approfondimento dove si forniscono spiegazioni alle domande che il pubblico si pone. Se gestisci una sartoria, un esempio di query potrebbe essere: come si prendono le misure per abiti sartoriali? Da questa domanda, si possono sviluppare uno o più contenuti esplicativi.

Solo in un secondo momento possiamo mettere in evidenza un nostro prodotto. Il binomio ecommerce e blog deve giocare con un mix tra informazioni utili e prodotti, come se fossero dei consigli di amici.

Inoltre i contenuti creati devono essere sviluppati in ottica SEO. In questo modo tutte le volte che un utente effettua una ricerca su un motore di ricerca, il vostro contenuto figurerà nella lista dei risultati ed avrete la possibilità di ottenere visibilità e nuovi clienti.

In questo modo gli utenti possono conoscere il vostro shop attraverso dei contenuti creati per il blog, ma con l’ottica di portare visitatori nello shop e convertirli in clienti.

Per approfondire il concetto di contenuto per un blog, visitate la sezione Content Marketing

Se invece state pensando di avviare un ecommerce leggete subito cosa possiamo fare per aiutarvi nel vostro progetto.

Tagged : / / /

Come gestire le Offerte sulla Facebook Fanpage

Avete mai usato le Offerte sulla Facebook Fanpage? Se non le avete ancora impostate è arrivato il momento di farlo, perchè sono utilissime per aumentare le vostre vendite on line.

Come gestire le offerte sulla Facebook Fanpage? La piattaforma sta implementando sempre nuovi strumenti per dare la possibilità anche alle aziende più piccole di iniziare a vendere on line, passo dopo passo con semplicità, verso un ecommerce sempre più strutturato. Le Fanpage sono al momento un ottimo strumento per quelle piccole aziende che vogliono avvicinarsi al commercio elettronico senza dover investire importanti capitali. Tra gli strumenti disponibili troverete la voce ‘Offerte’, vediamo nello specifico cosa sono e come impostarle.

L’Offerta è da sempre un ottimo modo per attirare l’attenzione sia di vecchi clienti che di persone che ancora non ci conoscono. Un’offerta ben pensata ha quindi la capacità di farci aumentare le vendite ed il numero di clienti.
Facebook ha messo a disposizione questa sezione delle Fanpage per far sì che anche le più piccole attività commerciali e le botteghe, possano attrarre nuovi clienti e tenere i vecchi clienti fidelizzati.

Se sei interessato ad avviare uno shop su Facebook o iniziare un ecommerce, potresti trovare altre interessanti informazioni nella sezione dedicata all’ Ecommerce.

Come si crea un’Offerta sulla Facebook Fanpage:

creare un’Offerta su Facebook è un’operazione facile e richiede soltanto pochi passaggi.

Nel Menù sotto la foto di copertina della vostra fanpage troverete la voce Offerte, cliccandola entrerete nella pagina iniziale, da lì cliccate su Crea Offerta.

La pagina seguente sarà suddivisa in due sezioni, una a sinistra con le varie voci da impostare e l’altra a destra, dove vedrete un’anteprima di quello che via via inserirete nella sezione di sinistra.

Le Offerte possono essere uno sconto in % sul prezzo di listino, la spedizione gratuita, un articolo gratuito o una promozione personalizzata.
Preparate un breve testo di descrizione che spieghi in modo chiaro e trasparente quale sia la convenienza per il cliente.
Aggiungete una foto senza testo, del prodotto che intendete mettere in promozione.
Si può inserire una data di scadenza dell’Offerta con un orario preciso e indicare dove il cliente può usufruire dell’Offerta, se nel negozio fisico, sul sito web o in entrambi.
Il cliente che visualizza l’offerta avrà poi la possibilità di salvarla o di mettersi in contatto diretto con il venditore, sia attraverso messaggio che chiamando un numero di telefono. Le persone che salvano l’offerta riceveranno una notifica prima della sua scadenza.

A questo punto la vostra Offerta è pronta e potete pubblicarla.
Creare offerte è gratis ed è un modo interessante di attirare l’attenzione di clienti vecchi e nuovi. Ricordate inoltre che l‘Offerta può essere messa in evidenza con una campagna di advertising.

Consiglio 1:

pensate bene e strutturate le vostre Offerte prima di crearle su Facebook. In questo modo tutto sarà più agevole e non rischierete di compiere errori. Definite quindi cosa intendete offrire realmente ai vostri clienti e siate chiari il più possibile nello spiegare quale convenienza ci sia per il cliente che legge la vostra Offerta.

Consiglio 2:

Lo sconto attira i clienti, aumenta la notorietà del brand grazie anche alle possibili condivisioni e passaparola. Qualunque sia il tuo obiettivo, le offerte di Facebook ti offrono un modo unico e gratuito per raggiungere il tuo pubblico.

Puoi pubblicare tutte le offerte che desideri e ripubblicare le offerte scadute senza iniziare da zero. I clienti riceveranno un promemoria. Tieni aggiornata questa sezione e dai una scadenza breve alle varie Offerte.

Consiglio 3:

Le Offerte saranno visibili alla tua community e non solo, perchè quando si pubblica un’offerta, questa verrà mostrata nel segnalibro Offerte, un luogo a cui le persone accedono per trovare offerte locali e sconti. Approfitta quindi per attirare nuovi clienti con offerte sempre aggiornate e diverse tra di loro. Controlla via via quali sono quelle che destano maggiore interesse e piafica in tempo le offerte future.

Se trovi utili questi post, rimani in contatto con noi, seguici sui canali social.
Potrebbe interessarti anche questo articolo su Come si configura uno Shop su Facebook e Instagram

Oppure se vuoi dare una spinta alle tue vendite, contattaci subito 

 

 

 

Tagged : / / / / /

Come farsi notare per collaborare con i brand giusti se sei un Influencer

Come farsi notare dai brand giusti sei sei un Influencer? Per un Influencer è vitale avere contatti con aziende per monetizzare i propri canali social media attraverso le sponsorizzazioni. Può essere difficile, soprattutto nella fase iniziale, essere notati dalle aziende e stringere delle collaborazioni durature.

Vediamo allora alcuni aspetti da curare per farsi notare dai giusti brand ed iniziare a monetizzare attraverso i propri canali social media.

Le aziende selezionano continuamente Influencers da inserire nella propria strategia Social Media e ogni azienda ha il proprio criterio di selezione. Non esiste infatti un solo modo per scegliere l’Influencer giusto, mentre esistono sicuramente delle attività che ogni Influencer all’inizio della propria carriera, può fare.

Se vuoi approfondire il tema, visita anche la nostra sezione dedicata all’ Influencer Marketing.

Quando un’azienda seleziona un Influencer, lo sceglie per rappresentare il proprio brand e farsi conoscere ed apprezzare alla community che gravita intorno a lui o lei.
Se hai più canali social media attivi e stai riscuotendo un discreto successo con i tuoi post, il numero dei followers aumenta e ti stai chiedendo come fare ad iniziare a monetizzare impegnandoti come Influencer della tua nicchia, allora è arrivato il momento giusto per farti trovare dalle aziende sponsor e dalle agenzie di Influencer Marketing. Non farti trovate impreparato e leggi attentamente i nostri consigli

food-influencer

Quali sono i parametri che vengono seguiti per essere scelti come Influencer ed iniziare a lavorare con i grandi brand della moda, del food o lifestyle? Cosa cercano le aziende e cosa cercano veramente i followers?

Alcuni consigli utili per farsi notare dalle aziende giuste e continuare a crescere fornendo sempre contenuti accattivanti ai tuoi follwers sono:

  • Ogni Influencer deve posizionarsi bene in una nicchia del mercato. Mescolare contenuti su temi diversi, cercando di accontentare tutti, è un rischio, quello di non accontentare nessuno e di perdere anche di credibilità. E’ importante presentarsi con contenuti che dimostrino cultura in materia e conoscenze approfondite, piuttosto che contenuti approssimativi. Se l’argomento scelto è il food ad esempio, e si opta per una dieta specifica (vegan, vegetariana, senza glutine, …) è sconsigliato dare spazio a prodotti diversi da quelli legati alla dieta scelta.
  • Fare una ricerca su chi sono gli altri influencer nella propria nicchia e studiare bene che contenuti postano. I brand come del resto gli utenti, vedranno i tuoi contenuti accanto a quelli dei tuoi concorrenti e faranno un paragone immediato. Quali sono i contenuti che catturano di più l’attenzione? Quali sono quelli che coinvolgono più followers nelle conversazioni? I propri contenuti sono all’altezza del confronto? Provare a mettere nero su bianco i pregi ed i difetti degli altri Influencer aiuta a migliorare i propri contenuti e a rafforzare la propria autorità on line.
  • Interazione sincera ed autentica. Le aziende apprezzano le conversazioni e gli scambi di opinioni autentici, i pareri sinceri forniti agli utenti senza secondi fini. Interagire con la tua community, dimostrare vicinanza di intenti e di interessi, stimolare i commenti o le condivisioni dei contenuti, aprire sondaggi e chiedere consigli alla community, oppure rispondere ai commenti, sempre anche quando possono sembrare negativi. Non censurare nessuno, ma essere positivi e propositivi: questi solo alcuni esempi di come stimolare un dialogo costante con il proprio pubblico per tenere viva la loro attenzione e l’engagement generale. Non concentrare l’attenzione solo sui numeri di crescita dei followers o dei commenti, perchè quello che conta, non sono i numeri ma la qualità dell’interazione all’interno della community
  • Mettere in risalto i propri valori. Le aziende scelgono gli Influencer in base a ciò che traspare al di là delle parole, i valori condivisi. Sarà a questi valori che abbineranno il loro brand, quindi fare attenzione anche al tipo di parole che si usano e al tone of voice. Curare i contenuti è un consiglio sempre valido e da tenere presente ogni volta che ci si espone sui canali social.
  • Commentare gli altri profili nella propria nicchia. Oltre ad una sana interazione con altri Influencer, commentare gli altri profili della propria nicchia servirà a farsi notare, sia dagli utenti interessati al medesimo argomento che dalle aziende. L’importante è commentare solo quando si ha veramente un contributo interessante da lasciare ed evitare inutili commenti al solo scopo di avere visibilità, non essere artefatti e finti perchè si otteiene l’effetto contrario al voluto.
  • Mettere a fuoco quali sono le aziende con cui si vorrebbe collaborare. Seguire i loro profili sui canali social media è il primo passo, commentare i loro post solo quando il proprio contributo sarà di valore ed evitare di mettersi in evidenza solo per il gusto di farlo. In questo caso è bene tenere presente il concetto di ‘valori’ esposto più sopra.

Se vuoi approfondire altri aspetti sui Social Media, leggi anche gli altri articoli sul Social Media Marketing.

Possiamo aiutarti a realizzare il tuo sogno e diventare un Influencer di successo? Contattaci senza impegno

Tagged : / / /

3 tools gratuiti da usare per fare le Stories su Instagram (soprattutto se lavori nel mondo della Moda)

Quali sono i tools gratuiti per fare delle Stories su Instagram che siano belle ed ‘acchiappa-visite’?

Le Stories su Instagram sono il modo migliore per avere un buono engagement con il proprio pubblico ma per essere efficaci devono essere realizzate in modo accattivante. Servono degli strumenti ad hoc che siano facili ed intuitivi. Noi abbiamo scelto questi 3 tools gratuiti che vi aiuteranno a fare delle belle Stories.

Necessarie quanto efficaci, le Stories su Instagram oggi sono importanti per interagire con il proprio pubblico e per aumentare la visibilità del proprio brand. Fortunatamente esistono App gratuite che ci consentono di lavorare (quasi) come professionisti e di poter pubblicare dei contenuti veramente di alta qualità. Vediamo quelli che Studio Effervescenza ha scelto oggi per voi.

Coinvolgono, incuriosiscono, comunicano più di ogni altro strumento a nostra disposizione sui Social Media, ma richiedono abilità grafiche, di visual e tempo a disposizione per essere realizzate. Le Stories su Instagram vanno pubblicate quotidianamente e più sono meglio è, a patto che riescano a coinvolgere il nostro pubblico e a divertirlo. Soprattutto in quei settori come la moda ed il design, in cui il visual è importante, perchè il prodotto va presentato non attraverso i dettagli descrittivi quanto attraverso un racconto emozionale, le Stories sono indispensabili. L’immediatezza di un video o di una fotografia sono valorizzate dalle Stories all’interno delle quali possiamo giocare con altri strumenti di interazione (sondaggi, questionari, giochi ecc…).
Le aziende che possono permetterselo investono in professionisti della fotografia e della grafica, ma le PMI non sempre hanno a disposizione grandi budget da dedicare a queste attività.
Come fare allora per realizzare delle belle Stories Instagram senza dover investire in professionisti della fotografia e della grafica?
A questa domanda rispondono egregiamente alcune App gratuite che permettono di elaborare fotografie, immagini e video in breve tempo, con semplici passaggi e senza dover studiare manuali di grafica.

Se vuoi sapere qualcosa di più su Social Media e Brand Reputation, visita questa sezione qui.

Ecco allora 3 tool che dovete assolutamente provare, facili, intuitivi ed efficaci:

  • InStories: aiuta a creare delle belle stories, anche con animazione. Mette a disposizione diversi template gratuiti per impaginare più immagini. I video possono contenere musica gratis, effetti e testo apposto sopra alle immagini. L’App è disponibile sia in versione gratuita che Pro.

 

 

  • Unfold: permette di creare delle grafiche accattivanti. Mette a disposizione un pianificatore griglia per la gallery di IG, in modo da avere un’anteprima dello sviluppo grafico della gallery. Si possono modificare foto e video aggiungendo effetti, filtri e testo sovrapposto. Disponibili diversi template gratuiti. Versione gratuita e pro.

 

  • Canva: è probabilmente quella più popolare ed usata delle 3 menzionate. E’ un indispensabile strumento per chi usa i social media, perchè non fornisce solo grafiche per le Stories ma si può usare per realizzare qualsiasi tipo di prodotto grafico, dal logo, alla brochure, dal post ai video. Per le Stories su Instagram mette a disposizione sia templates gratuiti, che una vasta gallery di foto royalty free di alta qualità. Sono possibili le animazioni con testo ed effetti. Esiste sia la versione gratuita che quella pro.

Tagged : / / /